Crea sito
Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on Mag 30, 2014 in Geologia, Vulcani |

Sicilia: tracce di idrocarburi nelle falde

Sicilia: tracce di idrocarburi nelle falde

Nei giorni scorsi tracce di idrocarburi  sono state rilevate nelle acque di falda dei comuni siciliani posti nei pressi del versante sud dell’Etna. Le analisi sono state effettuate dalla società che gestisce l’approvigionamento idrico potabile dell’area, in seguito ad alcune segnalazioni di “strani odori dai rubinetti” da parte dei cittadini.

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, intervenuto sull’argomento, ha espresso parere che gli elementi disciolti rilevati potrebbero essere imputabili ad una nuova fase di ricarica del sistema di alimentazione profondo del vulcano. Durante queste fasi infatti, risalite di gas possono apportare un maggior quantitativo di elementi ed entrare  in contatto con la circolazione idrica ipodermica del vulcano.

I monitoraggi, già in atto da alcune settimane, hanno infatti evidenziato un aumento dei flussi di gas in uscita dai Mud Volcano  delle Salinelle di Paternò, riconducibili ad un aumento dell’attività profonda che ha portato al rigonfiamento della camera magmatica sottomarina, già in atto dai primi di aprile.

Nulla di preoccupante, rassicura l’INGV, tutto rientra nella normale attività vulcanica etnea. Resta comunque da accertare se le tracce di idrocarburi rinvenute nelle falde siano realmente imputabili alla fasi magmatiche oppure ad eventuali attività antropiche: controlli e monitoraggi all’uopo verranno intensificati nelle prossime settimane.

 Image Credits: giornale on line Meteoweb